Home  |  Contact  

Email:

Password:

Sign Up Now!

Forgot your password?

Per Amore di Mio Figlio : Il Mio Angelo Marco
 
What’s New
  Join Now
  Message Board 
  Image Gallery 
 Files and Documents 
 Polls and Test 
  Member List
 TUTTI I POST 
 SPLINDER / PER AMORE DI MIO FIGLIO 
 LE PAGINE DI SPLINDER 
 AL MIO ANGELO " MARCO " 
 DIO PADRE E AMORE 
 GENERALE 
   
 BENVENUTO A TE 
 LE PAROLE DEGLI ANGELI 
 PAROLE SPARSE COL CUORE 
 NOVELLE E PAROLE DI VITA 
 POESIE 
 PREGHIERE 
 AFORISMI 
 A TU PER TU 
 ARCHIVIO 
 ITINERARI DI VIAGGIO 
 METEO 
 RADIO 
 TRADUTTORE 
 MUSICA 
 RICETTE E...BUON APPETITO 
 LIBRI 
 TELEVIDEO 
 ROSAROSSA 
 MARINA 
 Per Marco & Luisa 
 ALBUM 
 LA VITA OLTRE LA VITA 
 BENVENUTO A TE 
 BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO 
 UTILITA" 
 VIDEO 
 LIBERO/PER AMORE DI MIO FIGLIO 
 SI FESTEGGIA OGGI....... 
 OGGI IN TV 
 @@@COME ERAVAMO@@@ 
 @@@@@VIGNETTE@@@@ 
 ♥♥♥♥PAPA FRANCESCO♥♥♥♥♥ 
 LA VITA OLTRE LA VITA 
 ______________________________ 
 HOME PAGE I 
  
 
 
  Tools
 
PAROLE SPARSE COL CUORE: La dolcezza dei ricordi
Choose another message board
Previous subject  Next subject
Reply  Message 1 of 1 on the subject 
From: Butterfy  (Original message) Sent: 18/11/2011 14:29
 
 

 
 
Quando muore qualcuno a cui teniamo inzia una lotta continua
per un goffo tentativo, quello di imparare a stare senza quella persona, in ogni modo.
Che sia parlarne sempre o non parlarne mai, che sia buttare ogni cosa che ce la ricorda o tenere tutto.
Ripercorrere o tentare di dimenticare, affrontare o scappare.
La morte di chi amiamo ci rende disperatamente egoisti, perchè in quel momento stiamo pensando a che ne sarà di noi, a come gestiremo quell'assenza. Ma poi arriva altro.
E non é un fiume, ma un mare.

E' una sensazione immensa: la paura di dimenticare il viso di quella persona. E' un' emozione strana: quella per cui
il passare del tempo non è più solo un movimento in avanti,
é qualcosa che ti allontana da quello che avevi prima,
dalla sua faccia, dai momenti condivisi.

Per fortuna gli esseri umani hanno una meravigliosa caratteristica: gli occhi guardano per forza avanti. E per mille motivi,
per gli altri che restano, per noi che restiamo, per la gioia che ognuno cerca poi di provare, per rimanere in piedi,
per dare senso alle cose, quella tristezza cieca,
se permettiamo che accada, può trasformarsi in ricordi
di enorme potenza. Lo faccio in silenzio attraverso le fotografie,
che ogni tanto riguardo. Le canzoni che ascolto.
I luoghi che scelgo. Lo faccio di proposito, a volte,
per piangere e svuotarmi.
Mi concentro su scene, dettagli,
profumi. Altre volte capita e basta, per colpa di un dettaglio che richiama l'assenza. E' come un incantesimo potente,
ti trascina davanti a chi ti manca
. Quell'odore di tabacco
quel suo profumo. Quella carezza. E' un modo di capire dentro me, di dirmi che quel viso io
non potrò scordarlo mai. 
Nessuno può insegnarci a ricordare, ma ci sono milioni di modi
per farlo, e non sono necessariamente tristi. Una riunione di
famiglia o fra amici per raccontare gli aneddoti più spiritosi,
magari sfogliando vecchie foto. Parlare con qualcuno che,
della persona che ci manca, ha conosciuto un altro aspetto...
o andare nei posti dove si era andati insieme. Fare quella cosa, proprio quella, che quella persona adorava fare,
fosse un gusto di gelato o una passeggiata.Vedere i suoi film preferiti, o cucinare i suoi manicaretti. Parlarne o perfino parlarci.
Piantare un albero, un fiore, un seme e parlarci,
al posto di parlare con un sasso. Portare a termine un suo sogno, farlo nostro. Raccogliere in una scatola le sue cose preferite.
Cantare le sue canzoni. A chi non ha mai perso nessuno di importante tutto questo potrà sembrare macabro o solo triste.
Ma chi conosce il vuoto di una perdita, ha solo amore con cui riempirlo, e l'amore a volte è fatto di gesti strani,
che però consolano il cuore
...e lo fanno scaldare...




 


First  Previous  Without answer  Next   Last  

 
©2024 - Gabitos - All rights reserved