Home  |  Contact  

Email:

Password:

Sign Up Now!

Forgot your password?

UN SORRISO PER TUTTI
Happy Birthday chapi !
 
What’s New
  Join Now
  Message Board 
  Image Gallery 
 Files and Documents 
 Polls and Test 
  Member List
  
 ◄ ISCRIZIONE AL GRUPPO 
 ___CHAT___ 
 INDICE BACHECHE 
 ◄ BENVENUTO/A 
 GENERALE 
 " TUTTI I MESSAGGI " 
 ۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞ 
  
 ◄◄◄ CHAT 
 ◄ ACCADDE OGGI 
 ◄ OROSCOPO DEL GIORNO 
 ◄ MESSAGGIAMOCI 
 ◄ AIUTO PC 
 ◄ AMORE 
 ◄ AUGURI 
 ◄ CONSIGLI & CURIOSITA´ 
 ◄ ATTUALITA´ 
 ◄ ARTE DI RAIOLUAR 
 ◄ GRAFICA DI ROM* 
 ◄ IL LOTTO DI NANDO 
 ◄ INDIANI D´ AMERICA 
 ◄ RICORDI & FOTO DI GIANPI 
 ◄ UMORISMO 
 ◄ MUSICA ANNI 60 / 70 ♫♪♫ 
 ◄GRUPPI MINORI ANNI 60-70 
  
 ◄ POESIE ISCRITTI 
 ◄ POESIE CLELIA ( Lelina ) 
 ◄ Clelia ♦ RACCONTI ♦ 
 ◄ POESIE & ALTRO NADIA 
 ◄POESIE DI NIKI 
 ◄ POESIE PREDILETTA 
 ◄ POESIE QUATTROMORI 
 ◄ POESIE TONY KOSPAN 
 ◄ ROBYLORD ♥ 
  
 OMAGGIO A KAROL 
 ◄ RICORDANDO EL CID 
 ◄ LEZIONI DI POESIA 
 ◄ SEZIONE SVAGO 
 ◄MATERIALI DA USARE► 
 ◄ CUCINA ITALIANA 
 __________________________ 
 Home Home 
  
 
 
  Tools
 
◄MUSICA ANNI 60 / 70 ♫♪♫: STADIO
Choose another message board
Previous subject  Next subject
Reply  Message 1 of 6 on the subject 
From: Romano  (Original message) Sent: 10/03/2010 13:49

Il POP-ROCK D'AUTORE degli STADIO, tra BALLATE e LIVE.
Gli Stadio
sono Gaetano Curreri, Andrea Fornili, Roberto Drovandi e Giovanni Pezzoli.
Produttore e autore è Saverio Grandi, che ha scritto con Curreri i più grandi "successi" della band.

Le canzoni degli Stadio sono, finalmente, dopo “anni di indagini”, un "caso risolto" nella musica italiana: il loro è "pop-rock d'autore", sono l'unica band italiana che riesce a coniugare il "pop-rock" con la grande musica d'autore, e sono un unico, stimato "laboratorio" di canzoni di successo per sé e per altri.


Il linguaggio della canzone si evolve continuamente e gli Stadio hanno un “pubblico generazionale” grazie alla loro duttilità musicale e alla versatilità della penna d'autore che firma con loro splendide canzoni.

Le canzoni degli Stadio rivelano una storia musicale che interseca quella di illustri colleghi, con cui hanno condiviso il palco, hanno provato, arrangiato, prodotto e suonato nelle grandi produzioni discografiche, scrivendo canzoni e continuando a scriverle.
Con Vasco Rossi, per cominciare, legato da un’amicizia di lunga data con Curreri, con cui ha firmato, per citare dei titoli, “La faccia delle donne”, “Acqua e sapone”, “Bella più che mai”, “Il Temporale”, “Lo zaino” per gli Stadio, e “Rewind”, “Ti prendo e ti porto via”, “Buoni o cattivi”, “Un senso”, “E adesso che tocca a me” e “Non vivo senza te” per Vasco.
Senza dimenticare le produzioni dei primi album e di canzoni come “Albachiara” e “Jenny”. Ad oggi, la “premiata ditta” ha scritto per Laura Pausini (“Benedetta passione”, nel nuovo album), per Irene Grandi (“La tua ragazza sempre” e “Prima di partire per un lungo viaggio”) e per Patty Pravo (“Dimmi che non vuoi morire”, producendo pure un intero lavoro discografico).

Con Lucio Dalla gli Stadio hanno iniziato a pubblicare album (insieme hanno scritto “Grande figlio di puttana”, “Chi te l’ha detto” o “Porno in tv”) suonando per anni nei suoi dischi e nei “live” (parliamo degli album più noti del cantautore e dei tour, dal 1979 al 1988, come “Banana Republic”, con Francesco De Gregori, “DallAmeriCaruso” e “DallaMorandi”!).

Scoperto dagli Stadio e da Curreri (con cui scrisse “Fragole buone buone” e “Ci sei perchè), Luca Carboni ha firmato il suo primo testo per loro: “Navigando controvento”; eppoi “C’è”, “Allo stadio”, “Dentro le scarpe”, “Vorrei”, “Puoi fidarti di me”, “Canzoni alla radio”, “Pelle a pelle”, tra le altre.
Con Francesco Guccini hanno collaborato per “Swatch”, “Per la bandiera”, “Jimmy” e “Una casa nuova”.
Ma tante altre sono le collaborazioni d’autore che scopriremo man mano."Chiedi chi erano i Beatles" è la loro canzone-manifesto, rappresenta una metafora generazionale, come un filo di Arianna riavvolge storie, miti e passioni (su tutte quella per i Beatles, icone del tempo e delle mode).

Negli anni il linguaggio della Canzone si è evoluto, divenendo stereotipato o trascendendo ogni schema convenuto: gli Stadio hanno sempre mantenuto una propria coerenza - declinando la loro duttilità musicale con l'inibitoria versatilità proprio della penna d'autore.
“Chiedi chi erano i Beatles” delinea bene la filosofia del gruppo (ossia, la memoria come collante delle emozioni e dei ricordi, come slancio ideale e indefinito) e la loro storia di musicisti e di uomini, storia che è ancora tutta da ascoltare, cominciando dal nuovo album.



First  Previous  2 to 6 of 6  Next   Last  
Reply  Message 2 of 6 on the subject 
From: Romano Sent: 10/03/2010 13:50

1979 e 1980

“Banana Republic”, il tour con Dalla e De Gregori

Gli anni ’70 vedono Gaetano Curreri e Giovanni Pezzoli musicisti di studio, tra i cosiddetti "turnisti", coloro che accompagnano, realizzano dischi e tour per altri artisti.
Cosi, dal giro dei professionisti che lavora con Dalla (con Pezzoli e Curreri ci sono il bassista Marco Nanni; il chitarrista Ricky Portera e il tastierista Fabio Liberatori) nascono gli Stadio, che accompagnano lo stesso Dalla, Francesco De Gregori e Ron nel tour "Banana Republic" del 1979: il tour, che "cambiò il volto della musica leggera", è la prima esperienza da gruppo e, quindi, l'inizio della loro attività musicale e discografica.

Proprio durante la tournèe, iniziano a lavorare al primo disco e a scrivere le prime canzoni.

Da lì comincia la storia, quella che avete appena letto.

L'attività della band è sempre stata parallela a quella solista dei vari elementi:
Gaetano Curreri
è oggi uno dei più affermati autori di canzoni di successo;
Roberto Drovandi fa altrettanto, collaborando con i big della canzone e con i tanti musicisti per produzioni indies;

Andrea Fornili resta uno dei chitarristi italiani di maggior talento tanto da lavorare un po’ con tutti!
Giovanni Pezzoli si dedica proverbialmente al sito ufficiale (www.stadio.com) ma non rifugge dagli inviti allettanti dei tanti amici che lo vogliono nei loro dischi!

1981 e 1982

“Grande figlio di puttana” e “Stadio”, l’album d’esordio
Gli Stadio firmano la prima colonna sonora: “Borotalco"

Nel 1981 nasce “Grande figlio di puttana”, canzone che dilata in senso grottesco la filosofia di un gruppo come quello degli Stadio. Fa clamore per il titolo e per i tempi.
L’album d’esordio che la contiene, “Stadio”, verrà pubblicato nel 1982.
Sono cinque canzoni più una suite musicale ("Un fiore per Hal"). Già da questa prima prova discografica, gli Stadio si affidano a veri e propri “parolieri d'eccezione”: Gianfranco Baldazzi (scrittore e critico musicale), Lucio Dalla, anche produttore del disco; Ambrogio Lo Giudice, già regista di videoclip musicali, e quel ventenne, commesso in un negozio di scarpe al centro di Bologna, che dopo tante insistenze riesce a firmare la sua prima canzone, "Navigando controvento". È Luca Carboni, scoperta di Gaetano Curreri&soci. Parte del disco è stata utilizzata per la colonna sonora del film “Borotalco” di e con Carlo Verdone ed Eleonora Giorgi. Vincono “Nastro d’Argento” e “David di Donatello

1983 e 1984

Esce “La faccia delle donne”
“Acqua e sapone” per il film di Carlo Verdone

Sono anni creativi. Il gruppo accompagna Lucio Dalla nei concerti e in studio di registrazione: l'ellepi "1983" del cantautore è suonato ed arrangiato dagli Stadio.
Con Ron registrano dal vivo il 33 giri "Tutti i cuori viaggianti", "Sotto la pioggia" con Antonello Venditti, "Telefono elettronico" di Renzo Zenobi; producono "...e intanto Dustin Hoffmann non sbaglia un film", l'album d'esordio di Luca Carboni, scrivendo "Fragole buone buone".
Nel 1984 arriva la seconda prova discografica, “La faccia delle donne”, prodotta da Guido Elmi e Maurizio Biancani, e a scrivere i testi delle canzoni ci sono Vasco (che duetta anche con Curreri ne “La faccia delle donne”), Dalla e Carboni. Per la prima volta partecipano al Festival di Sanremo con “Allo stadio”.

Il 33 giri rimane una pietra miliare nella storia del gruppo: con "Acqua e sapone" (che balza subito in classifica) e "C'è" firmano la seconda colonna sonora per il nuovo film di Carlo Verdone, per l'appunto "Acqua e sapone


Reply  Message 3 of 6 on the subject 
From: Romano Sent: 10/03/2010 13:51

1985
“Chiedi chi erano i Beatles”, nel Q-disc anche “Vorrei”

Nei primi mesi del 1985 vengono pubblicate cinque canzoni nel Q-disc “Chiedi chi erano i Beatles”. La canzone è un autentico, piccolo capolavoro composto con il poeta Roberto Roversi.
Sul tema musicale di “Vorrei”, realizzano la colonna sonora del film di Carlo Verdone, "I due Carabinieri".

 1986
“Canzoni alla radio” al Festival di Sanremo
Il tour negli Usa per il progetto “DallAmericaruso”

Agli inizi del 1986, con “Canzoni alla radio”, partecipano per la seconda volta al Festival di Sanremo e pubblicano l'album omonimo.
A marzo partono per gli USA con Lucio Dalla per una serie di concerti e registrano il doppio album live, "DallAmeriCaruso", dove è incisa anche "Grande figlio di puttana", che apriva la tournée americana.

1987 e 1988

La prima raccolta “Canzoni alla Stadio”, con “Bella più che mai”
Il progetto artistico “DallaMorandi”: Gianni Morandi interpreta “Chiedi chi erano i Beatles”

Nel 1987, gli Stadio partecipano al progetto "DallaMorandi", che li porta a realizzare disco e tour - compongono "Il Duemila, un gatto e il Re" per Lucio Dalla e “prestano” "Chiedi chi erano i Beatles" a Gianni Morandi, che ne farà un successo popolarissimo.
Con Vasco Rossi scrivono "Bella più che mai" e "Tu vuoi qualcosa": i due inediti vengono pubblicati nella raccolta di successi, “Canzoni alla Stadio” che esce nell'estate del 1988.
E' questo l'anno che vede la definitiva conclusione della collaborazione artistica degli Stadio con Lucio Dalla.

1989 e 1990

“Puoi fidarti di me”

Andrea Fornili entra nella band

Nell'89 pubblicano “Puoi fidarti di me”, prodotto da Roberto Costa, che contiene “Stupidi” e “Se dico donna”.

Della prima formazione rimangono Gaetano Curreri e Giovanni Pezzoli con cui ancora oggi vengono identificati gli Stadio. Nella line-up, agli inizi del 1990, entra il chitarrista Andrea Fornili, professionista che aveva lavorato molto in tour con Eros Ramazzotti e Miguel Bosè.
Vasco Rossi chiede agli Stadio di aiutarlo nella colonna sonora di "Stasera a casa di Alice", il film di Carlo Verdone con Ornella Muti e Sergio Castellitto. Vincono “David di Donatello” e “Nastro d’Argento”.

1991
Gli Stadio firmano con la EMI

Esce “Siamo tutti elefanti inventati”, che contiene “Generazioni di fenomeni”

Nel 1991 il passaggio alla EMI e il meritato “disco d'oro” con “Siamo tutti elefanti inventati”, pensato nei due anni precedenti, prodotto da Antonio Colombi e realizzato con Luca Orioli.
Il titolo è pensato da Alessandro Bergonzoni, "Generazione di fenomeni" è la canzone di successo, anche sigla della serie di telefilm "I Ragazzi del muretto" su RaiDue.
C'è un ideale filo che unisce il vecchio e il nuovo degli Stadio: ci sono "nuove" firme d'autore che danno lustro al loro repertorio come Ivano Fossati ("Ci sarà") e Claudio Lolli ("Segreteria telefonica") e "solite" collaborazioni con Vasco Rossi ("Cerca di non esser via") e Luca Carboni ("Pelle a pelle").

1992 e 1993

E’ l’anno di “Stabiliamo un contatto” e “Swatch”
Roberto Drovandi si unisce alla band

Nell'autunno del 1992 viene pubblicato “Stabiliamo un contatto”, ancora un successo di vendite.
Lavorano da soli al disco, con l’aiuto dell’arrangiatore Luca Orioli, e aggiungono al line-up il bassista Roberto Drovandi, già nel gruppo di lavoro di Carboni. Saverio Grandi compone gran parte delle canzoni - tra cui "Per la bandiera" con Francesco Guccini, che scrive un'invettiva diretta e cruda nei confronti di un evento che ha sconvolto la nostra società (la strage di Capaci). "Swatch" è l’altro testo che firma per gli Stadio. L'anacronistico viaggio a ritroso nel tempo di un quarantenne che osserva due ragazzi innamorati. Su una metafisica storia d'amore di Alessandro Bergonzoni ("L'appostamento") e su un testo dell'inedita coppia Luca Carboni e Jovanotti ("Libero di cambiare") vengono scritte altre "canzoni alla Stadio"!


Reply  Message 4 of 6 on the subject 
From: Romano Sent: 10/03/2010 13:51

1994
Il primo disco live “Stadiomobile”

Il successo della colonna sonora per “I ragazzi del muretto”

Confermando le loro indubbie capacità live, nel 1994 gli Stadio conquistano il Disco d'oro con “Stadiomobile live” (che contiene l'inedita "Un disperato bisogno d'amore", sigla della seconda serie de "I ragazzi del muretto") raro traguardo per i dischi incisi dal vivo.

1995-1996
“Di volpi, di vizi e di virtù…” e “Il canto della pellicole”

Nel marzo 1995 pubblicano “Di volpi, di vizi e di virtù…”, titolo fantasioso di Alessandro Bergonzoni, disco realizzato con il produttore americano Bob Rose.
L'album vanta le collaborazioni prestigiose di Roberto Roversi, Francesco Guccini, Roberto Vecchioni, Vasco Rossi, Edoardo Bennato e delle tastiere di Fabio Liberatori - tornato a suonare con gli Stadio a dieci anni dall’ultima volta.

Ancora concerti e, nell'aprile 1996, è la volta della raccolta “Il Canto delle pellicole” il loro omaggio al Cinema, in occasione dei suoi cento anni.

Per una volta, tutte insieme, le canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai film di Carlo Verdone, alle serie televisive, alla pellicola TV "Mamma Lucia", con Sofia Loren, e l'inedito "Le cose che contano", sigla dell'ultima serie de "I ragazzi del muretto".

1997
L’album “Dammi 5 minuti”

Premio “Migliore musica” a Sanremo con “Dimmi che non vuoi morire”

Il 1997 si apre con un importante riconoscimento: al Festival di Sanremo la giuria di qualità (formata da Luciano Pavarotti, Bill Conti, Mario Missiroli, Gino Paoli e Nicola Piovani) premia Gaetano Curreri per la migliore musica di "Dimmi che non vuoi morire", interpretata da Patty Pravo.
A riconfermare lo stato di grazia creativa che accompagna la band, nello stesso anno esce “Dammi 5 minuti”.
Prodotto interamente dal gruppo e arrangiato con Maurizio Biancani e Mirko Dalporto, l'album contiene l'eterea lirica di "Il Temporale" (scritta con Vasco Rossi); la tragica storia d’amore di "Un volo d'amore". La giocosità di "Ti mando un bacio". A scrivere i testi delle canzoni ci sono Saverio Grandi (ormai affermato autore), Bettina Baldassarri (una delle scoperte degli Stadio), il poeta Roberto Roversi, e Tullio Ferro (celebrato autore di "Vita spericolata" e loro amico di vecchia data), che compone "La colpa che tu eri".

L’album, realizzato con la partecipazione di Angelo Branduardi e Sarah Jane Morris, conquista un altro “disco di platino”.

1998 e 1999

“Lo zaino” e il successo a Sanremo

Per il film animato “La gabbanella e il gatto”, di Enzo D’Alò, Gaetano Curreri canta con Antonio Albanese due canzoni.
Nel settembre del 1998, tutte le emozioni più forti delle loro canzoni d'amore vengono raccolte in "Ballate fra il cielo e il mare".

Il piacere di ascoltare dodici ballate, alcune registrate di nuovo. Prodotta con Celso Valli e “disco di platino” dopo qualche mese dall’uscita, la raccolta contiene anche alcuni inediti, tra cui "Muoio un pò" (cover di "Driving with the brakes on" dei Del Amitri).
E' il "trampolino di lancio" verso il Festival di Sanremo 1999, cui partecipano con "Lo zaino", scritta con Vasco Rossi: erano 13 anni che gli Stadio non si esibivano sul palco del Teatro Ariston!

Storia di un alchimista e cosi, forse, la storia di un’amicizia (quella di Vasco e Gaetano) e memoria dei nostri tempi? Una storia d’amore? Un amarcord dei nostri giorni? Certamente un vezzo letterario del rocker più amato e un virtuosismo musicale di una delle band, tra le più apprezzate…

Un altro elemento di “sovrapposizione” generazionale: oggetto di cultura e vessillo di contestazione giovanile ma anche ricordo di gite e di scuola, LO ZAINO come CHIEDI CHI ERANO I BEATLES, per tracciare un ulteriore metafora enfatizzando nella fugacità emozionale di una canzone il travaglio generazionale, ovvero quell’appendice filosofica che è propria dell’uomo di questa fine secolo!
Ma, di tutti questi anni, cosa ritroviamo nello zaino degli Stadio?

La loro musica ha caratterizzato, in parte, quella italiana degli ultimi quattro lustri: soprattutto, hanno donato nuova linfa a quella penna da cantautore non troppo politicamente impegnata ma colta, perennemente volta all’introspezione come tecnica speculare per cogliere le ovvie e dannate problematiche del fenomeno generazionale.
Grande il successo. Le giurie popolari e quella di qualità li votano fino a farli arrivare ai primi posti tra i “big”.
Da lì un lungo tour promozionale in giro per l'Italia.


Reply  Message 5 of 6 on the subject 
From: Romano Sent: 10/03/2010 13:54

2000 e 2001

“Donne & Colori” e l’attività live va avanti senza soste

Nel 2000 viene pubblicato “Donne & Colori”, che contiene l’inedito duetto di “In paradiso con te”, con la cantante arabo-israeliana Amal Murkus, e la poesia di Roberto Roversi dedicata a Diego Armando Maradona (“Doma il mare il mare doma”).
I concerti vanno avanti senza sosta per diversi mesi: tour estivo e invernale per presentare il nuovo album.

2002
“Occhi negli occhi”

L’album in cima alle classifiche di vendita

“Occhi negli occhi”, uscito subito dopo l’estate del 2002, raggiunge in meno di due settimane i vertici delle classifiche di vendita. Il “passaparola” sull’album, prodotto con Saverio Grandi, è senza precedenti, aiutato da un airplay radiofonico altissimo per la canzone “Sorprendimi”.
Dopo un mese, gli Stadio conquistano il “disco di platino”.
Tra le altre canzoni, ci sono “Chiaro”, “Il segreto” e una versione stravolta di “Un vecchio errore” di Paolo Conte.

2003 e 2004

"Storie e geografie" Latitudini e longitudini dei successi degli Stadio

Il 31 ottobre 2003 esce la doppia raccolta “Storie e geografie”, ventisei successi (alcuni incisi di nuovo, come “Grande figlio di puttana”, in duetto con gli Articolo 31) e tre nuove canzoni, tra cui " Equilibrio instabile" (la protagonista del video è l’attrice Vittoria Belvedere), e una canzone mai pubblicata su disco, " Banana Republic".
Si parte con un lungo tour teatrale, che conferma la popolarità della band con una serie di “tutto esaurito”: allo Smeraldo di Milano, la EMI consegna agli Stadio il “disco di platino” per le vendite del disco, di cui viene pubblicato anche il dvd (“Atlante di storie e geografie”) con tutte le clip delle canzoni e le interviste (tra cui, una divertente chiacchierata tra Vasco Rossi e Gaetano Curreri).

Il 2 aprile 2004 esce il nuovo album di Vasco, “Buoni o cattivi”, come il titolo della canzone scritta con Curreri e Grandi.

L’anno si chiude con lo “Stadio tour club”, sei concerti acustici in alcuni dei più noti club italiani per essere ancora più vicini al pubblico.

2006 – 2005

“Canzoni per parrucchiere Live Tour”: album e dvd – La band riceve il Premio Lunezia –
“L’amore volubile” in cima alle classifiche – Silvio Muccino firma il video “Mi vuoi ancora” –
Premio speciale MEI – Nastro d’Argento per un “Senso”

2006 - gli Stadio pubblicano il doppio album "Canzoni per parrucchiere Live Tour", live del tour teatrale che ha registrato il "sold out" in tutta Italia. A fine anno, esce anche in versione dvd.
Per il progetto discografico gli Stadio ricevono il " Premio Lunezia".
Curreri e Grandi fimano "Lampo di vita" per il nuovo album di Luca Carboni.

A fine estate 2005 - viene pubblicato l'album " L'amore volubile", che arriva al 3° posto in classifica ad una settimana dall'uscita: tra le canzoni, " Mi vuoi ancora", " Fine di un'estate", " Le mie poesie per te" e " Buona sorte" (sigla dei Campionati Italiani di Basket).
Silvio Muccino
firma la regia del videoclip di "Mi vuoi ancora".
Il Meeting Etichette Indipendenti consegna agli Stadio il Premio Speciale MEI

Gaetano Curreri, Vasco Rossi e Saverio Grandi vincono il " Nastro d'Argento" per "Un senso", che Vasco canta nel film "Non ti muovere", di e con Sergio Castellitto e Penelope Cruz.

2008 – 2007

“…E MI ALZO SUI PEDALI”, la canzone dal film “IL PIRATA, – MARCO PANTANI” -
MIGLIOR GRUPPO DELLA MUSICA ITALIANA ai VENICE MUSIC AWARDS -
Il “PLATINUM TOUR” per i 25 anni di attività.

Il tour 2008 porta il nome della “Platinum Collection”, pubblicata dalla Capitol/Emi Music per festeggiare i 25 anni di attività della band, e che contiene ben 51 canzoni, raccolte in tre dischi "tematici": il "Pop-rock d'autore", che contiene molti dei successi scritti con le firme più prestigiose della musica cantautorale; le "Ballate", che rappresentano una parte rilevante nel repertorio del gruppo e della musica italiana; e il "Live", testimonianza della vitalità scenica e dei tanti concerti e tournée che fanno degli Stadio una grande “live band”.

Nella raccolta, l'inedita e bellissima versione di "Guardami", in duetto con Teresa Salgueiro (voce e anima dei portoghesi Madredeus), cosi come presentata in duetto a Sanremo 2007; "…e mi alzo sui pedali", scritta con Giancarlo Bigazzi per il film tv "Il Pirata - Marco Pantani" di Claudio Bonivento, e diventata la canzone-simbolo dell’uomo ciclista campione (nella colonna sonora, anche “Fine di un’estate”).

Al Lido di Venezia, nel giugno 2007 - nel pieno del successo dell’album “Parole nel Vento”, uscito durante la partecipazione a Sanremo - gli Stadio ricevono un bellissimo mappamondo azzurro quale riconoscimento come MIGLIOR GRUPPO DELLA MUSICA ITALIANA ai VENICE MUSIC AWARDS. La serata è andata in onda su Rai Due.

Gaetano Curreri viene invitato da Fabrizio Moro a “duettare” al Festival di Sanremo 2008 in “Eppure mi hai cambiato la vita”: il consenso di critica e pubblico è enorme; e con Saverio Grandi scrive per i nuovi dischi di Vasco Rossi (“Non vivo senza te”, mentre Gaetano firma con Fornili anche “E adesso che tocca a me”), di Anna Tatangelo (“Cosa ne sai”) e di Luca Carboni (“Lampo di vita”).

 

Apprezzati direttamente dal vivo a settembre...in concerto qui da noi, vi assicuro i più bravi musicisti che io abbia conosciuto...

Lele, Mary, Daniela, Brinetta Ely ,Serenella e tutte le bimbe trovate il midi di "Grande figlio di puttana", stupenda..

romy

 


Reply  Message 6 of 6 on the subject 
From: ○●MAX●○ Sent: 26/03/2010 17:06



First  Previous  2 a 6 de 6  Next   Last  
Previous subject  Next subject
 
©2021 - Gabitos - All rights reserved