Home  |  Contact  

Email:

Password:

Sign Up Now!

Forgot your password?

UN SORRISO PER TUTTI
Happy Birthday chapi !
 
What’s New
  Join Now
  Message Board 
  Image Gallery 
 Files and Documents 
 Polls and Test 
  Member List
  
 ◄ ISCRIZIONE AL GRUPPO 
 ___CHAT___ 
 INDICE BACHECHE 
 ◄ BENVENUTO/A 
 GENERALE 
 " TUTTI I MESSAGGI " 
 ۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞ 
  
 ◄◄◄ CHAT 
 ◄ ACCADDE OGGI 
 ◄ OROSCOPO DEL GIORNO 
 ◄ MESSAGGIAMOCI 
 ◄ AIUTO PC 
 ◄ AMORE 
 ◄ AUGURI 
 ◄ CONSIGLI & CURIOSITA´ 
 ◄ ATTUALITA´ 
 ◄ ARTE DI RAIOLUAR 
 ◄ GRAFICA DI ROM* 
 ◄ IL LOTTO DI NANDO 
 ◄ INDIANI D´ AMERICA 
 ◄ RICORDI & FOTO DI GIANPI 
 ◄ UMORISMO 
 ◄ MUSICA ANNI 60 / 70 ♫♪♫ 
 ◄GRUPPI MINORI ANNI 60-70 
  
 ◄ POESIE ISCRITTI 
 ◄ POESIE CLELIA ( Lelina ) 
 ◄ Clelia ♦ RACCONTI ♦ 
 ◄ POESIE & ALTRO NADIA 
 ◄POESIE DI NIKI 
 ◄ POESIE PREDILETTA 
 ◄ POESIE QUATTROMORI 
 ◄ POESIE TONY KOSPAN 
 ◄ ROBYLORD ♥ 
  
 OMAGGIO A KAROL 
 ◄ RICORDANDO EL CID 
 ◄ LEZIONI DI POESIA 
 ◄ SEZIONE SVAGO 
 ◄MATERIALI DA USARE► 
 ◄ CUCINA ITALIANA 
 __________________________ 
 Home Home 
  
 
 
  Tools
 
◄MUSICA ANNI 60 / 70 ♫♪♫: NEW DADA
Choose another message board
Previous subject  Next subject
Reply  Message 1 of 6 on the subject 
From: Romano  (Original message) Sent: 29/03/2010 10:17

Sei ragazzi milanesi che sono balzati ai vertici della musica italiana sotto la guida di Maurizio Arceri, il bello d’Italia.

La loro grande opportunità la ebbero quando supportarono i Beatles nella loro venuta nel 1965 a Roma, Genova e anche (notizie precise non ce l’ho) a Milano.

Nascono dalle ceneri di gruppi come "Tzara" e "Man Ray", proponendo un suono leggermente diverso dal beat puro, il suono preminente del New Dada si avvicinava di piu’ al R&B degli Animals, tanto per capirsi.

Il loro esordio discografico si ha con una bellissima cover di "When you walk in the room" di Jackie de Shannon & Searchers che divenne "Ciò che fai", prima e subito dopo si trasformo’ in "La tua voce". Ques’ultima con copertina originale, l’altra invece usci’ in edizione per juke box, senza copertina. Di questa canzone c’e’ da ricordare un’altra versione degli italianizzati Rokes, che la ripresero trasformandola in "C’è una strana espressione nei tuoi occhi". Seguono poi "L’amore vero" e "C’è qualcosa di nuovo" che chiudono il 1965 in successo.

Il ’66 si apre con la partecipazione al Cantagiro ed il boom di "Non dirne piu’" (Sick and tired) di Chris Kenner, che il gruppo incide prima in lingua originale poi in italiano, poiché la manifestazione prevedeva che si cantasse solo in italiano.

Sempre nello stesso anno esce il loro unico LP, che comprende sia i 45 usciti con altri brani cantati in inglese. L’album si chiama "I’ll go crazy", titolo preso da una canzone di James Brown. Arriviamo cosi’ al 1967, iniziano i primi dissidi e l’avventura si chiude con la pubblicazione di "Lady Jane", del Rolling Stones.

Lo scioglimento provoca la nascita di due tronconi: da un lato Maurizio con il fedele batterista " Gianfranco Longo (detto Pupo, da non confondersi…), che insieme ad altri musicisti non faranno altro che spianare la strada ad un’attività solista di Arceri, e gli altri superstiti che incideranno ancora due singoli , fino ad essere scelti come supporter dei Rolling Stones durante le loro esibizioni italiane.

Formazione originaria:

Maurizio Arceri – voce

Ferruccio "Ferry" Sansoni – organo

Franco Sadanza – chitarra

Renato "Renè" Vignocchi – chitarra

Giorgo Fazzini – basso

Gianfranco "Pupo" Longo – batteria

LP – I’LL GO CRAZY – BLUEBELL – 1966

45 – gg – CIO’ CHE FAI / DOMANI SI – BLUEBELL 1965

45 – gg – LA MIA VOCE / DOMANI SI – BLUEBELL 1965

45 – gg – L’AMORE VERO / C’E’ QUALCOSA – 1965

45 – gg – BATTI I PUGNI / SICK AND TIRED – BLUEBELL 1966

45 – gg – NON DIRNE PIU’ / BATTI I PUGNI – BLUEBELL 1966

45 – gg – T. BIRD /I GO CRAZY – BLUEBELL 1966

45 – gg - LADY JANE / 15° FRUSTATA – BLUEBELL 1967

Solisti:

 

MAURIZIO DEI NEW DADA

45 – gg – BALLERINA / NON C’E’ BISOGNO DI CAMMINARE – BLUEBELL 1967

45 – gg – LADY JANE / T’AMO DA MORIRE – BLUEBELL 1967

FERRY, FRANCO, RENE’, DANNY E GABY

45- gg – ELEGIA PER L’AMICO DI ANTONIO / UN TRENO CHE PARTE – CBS 1967

45 –gg – SE TE LO RACCONTASSI / QUATTRO STAGIONI – CBS 1967

FRANCO DEI NEW DADA


First  Previous  2 to 6 of 6  Next   Last  
Reply  Message 2 of 6 on the subject 
From: Lelina Sent: 29/03/2010 14:05

Reply  Message 3 of 6 on the subject 
From: Lelina Sent: 29/03/2010 14:11
Qualche nota su
Maurizio Arcieri
 

Nato a Milano nel 1945, attivo musicalmente dai primi anni '60, Maurizio Arcieri negli anni sessanta fu leader dei New Dada che nel giro di pochi anni, dal 1965 al 1967 incisero uno "storico" LP e una manciata di singoli irresistibili, suonati con grinta e tecnica difficili da ritrovare in altri gruppi italiani del periodo. D'altra parte i New Dada furono senza ombra di dubbio il complesso più particolare dell’intera scena beat italiana. Curavano moltissimo l’immagine, al punto che "Pupo" Longo, il batterista, suonava con i guanti bianchi. Ma era soprattutto il leader, Maurizio Arcieri, a gettare lo scompiglio tra le fans. Parteciparono all’edizione ‘66 del Cantagiro riscuotendo ottimi consensi con “Non dirne più” (3° nella sezione Complessi, dietro a Equipe 84 - "Io ho in mente te" e ai Rokes - "Che colpa abbiamo noi") e si aggiudicarono diverse puntate di “Bandiera Gialla” grazie alla cover di “Lady Jane”. I New dada furono inoltre scelti come band di supporto nelle tre tappe del tour italiano dei Beatles. All’apice del successo i New Dada si sciolsero e Maurizio intraprese la carriera solista; parte dei New Dada lo seguì nelle vesti di formazione accompagnatrice. Nel 1967 incise "Ballerina" e "Il Comizio" ma il successo pieno arrivò l'anno successivo con "Cinque minuti e poi" con cui partecipò al Disco per L’Estate. La canzone non vinse ma risultò essere uno dei più grandi hit dell’anno e fu il leit-motiv di "Quelli belli siamo noi” un fortunato “musicarello” con Carlo Dapporto, Orchidea De Sanctis, Ric & Gian, Carlo Delle Piane e Isabella Biagini e...Loredana Bertè! Nello stesso anno presentò "Elisabeth". Negli anni successivi incise altri brani senza tuttavia ottenere grossi consensi. Spesso si trattava di cover di brani inglesi. Ad esempio una bella cover di "See me, feel me, touch me" tratta da "Tommy" degli WHO, dal titolo italiano "Guardami, Toccami, Guariscimi". Nel 1976 decise di dar vita a un nuovo progetto musicale: i Chrisma. Il gruppo avrebbe “rilevato” il precedente contratto di Maurizio con la Polydor. Chrisma non era altro che la contrazione dei nomi dei due componenti, Maurizio e Christina Moser, conosciuta nel 1966 e diventata nel frattempo sua moglie. I due si trasferiscono a Londra e incidono "Amore" e l'anno dopo "U", brani un po’ deboli, tanto dal punto di vista creativo quanto per l’inclinazione stilistica commerciale. Direttore artistico della Polydor era Nico Papathanassiou, fratello di Vangelis, con cui i Chrisma diedero vita a un fortunato sodalizio durato alcuni anni. Londra era agitata dal fenomeno del punk, ma il duo più che sposarne la causa ne adottava il look: capelli colorati, pantaloni e giubbotti in pelle nera, una spilla da balia conficcata nella guancia. Nel 1977 i Chrisma incisero Chinese restaurant un disco rock decadente ed essenziale ricco di contaminazioni elettroniche, atmosfere sospese e di allucinata tensione. Il 45 tratto dal disco, “Lola”, entrò nella Top 10: sembra che il brano dovesse essere presentato a Sanremo, ma i Chrisma, non avendo voglia di cantare in italiano, rifiutarono. Seguì una tournée di notevole impatto: uno spettacolo ricco di luci e costumi, con immagini tridimensionali proiettate sui teli a fondo palco. Maurizio si dimenava e cantava con molta partecipazione, spesso si strappava la camicia con un coltellino tra lo scalpore del pubblico; una sera addirittura si tagliò volontariamente un dito. Finì in ospedale e gran parte delle date programmate finirono cancellate. Nel 1978 gli Arcieri incisero Hibernation, inciso in Italia ma missato a Londra, disco con cui si confrontarono con la musica elettronica. Il disco fu stampato in vinile color ghiaccio e custodito in una copertina a specchio e pur essendo parecchio elaborato riusciva a essere comunque accessibile al pubblico. Per lanciare uno dei due singoli tratto dal disco, "Aurora B", venne realizzato un video che fece scalpore, contenendo immagini di un suicidio e scene di sesso in una stazione della metropolitana. Due anni dopo è la volta di Cathode mamma lavoro nato dalla collaborazione con il musicista Hans Zimmer. Per l'occasione cambiano il nome del gruppo in Krisma. Una azzeccata miscela di frizzante electro-pop permise loro di ottenere il primo grosso successo da classifica: "Many Kisses", brano che fece furore in mezza Europa.



Reply  Message 4 of 6 on the subject 
From: Lelina Sent: 29/03/2010 15:00


Reply  Message 5 of 6 on the subject 
From: Lelina Sent: 29/03/2010 15:03


Reply  Message 6 of 6 on the subject 
From: Lelina Sent: 29/03/2010 15:08



First  Previous  2 a 6 de 6  Next   Last  
Previous subject  Next subject
 
©2021 - Gabitos - All rights reserved