Home  |  Contact  

Email:

Password:

Sign Up Now!

Forgot your password?

UN SORRISO PER TUTTI
 
What’s New
  Join Now
  Message Board 
  Image Gallery 
 Files and Documents 
 Polls and Test 
  List of Participants
  
 ◄ ISCRIZIONE AL GRUPPO 
 ___CHAT___ 
 INDICE BACHECHE 
 ◄ BENVENUTO/A 
 GENERALE 
 " TUTTI I MESSAGGI " 
 ۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞ 
  
 ◄◄◄ CHAT 
 ◄ ACCADDE OGGI 
 ◄ OROSCOPO DEL GIORNO 
 ◄ MESSAGGIAMOCI 
 ◄ AIUTO PC 
 ◄ AMORE 
 ◄ AUGURI 
 ◄ CONSIGLI & CURIOSITA´ 
 ◄ ATTUALITA´ 
 ◄ ARTE DI RAIOLUAR 
 ◄ GRAFICA DI ROM* 
 ◄ IL LOTTO DI NANDO 
 ◄ INDIANI D´ AMERICA 
 ◄ RICORDI & FOTO DI GIANPI 
 ◄ UMORISMO 
 ◄ MUSICA ANNI 60 / 70 ♫♪♫ 
 ◄GRUPPI MINORI ANNI 60-70 
  
 ◄ POESIE ISCRITTI 
 ◄ POESIE CLELIA ( Lelina ) 
 ◄ Clelia ♦ RACCONTI ♦ 
 ◄ POESIE & ALTRO NADIA 
 ◄POESIE DI NIKI 
 ◄ POESIE PREDILETTA 
 ◄ POESIE QUATTROMORI 
 ◄ POESIE TONY KOSPAN 
 ◄ ROBYLORD ♥ 
  
 OMAGGIO A KAROL 
 ◄ RICORDANDO EL CID 
 ◄ LEZIONI DI POESIA 
 ◄ SEZIONE SVAGO 
 ◄MATERIALI DA USARE► 
 ◄ CUCINA ITALIANA 
 __________________________ 
 Home Home 
  
 
 
  Tools
 
◄ PAGINE DI CUCINA: TRONCHETTO DI NATALE
Choose another message board
Previous subject  Next subject
Reply  Message 1 of 2 on the subject 
From: Serenella  (Original message) Sent: 17/12/2012 19:25
LA STORIA DEL TRONCHETTO DI NATALE
 
 
 
 
 
Il Tronchetto di Natale è un dolce di buon auspicio risalente alla tradizione medievale, simula nella forma un ceppo di legno, che un tempo veniva tagliato dalla parte più grossa dell’albero e conservato nella legnaia in attesa della vigilia di Natale, momento in cui veniva posto nel camino dal capofamiglia pronunciando la formula: “Si rallegri il ceppo, domani è il giorno del pane”.
Almeno a Natale, infatti, in ogni casa si mangiava con più abbondanza e il pane doveva essere comunque migliore di quello solito, perciò, veniva addolcito e arricchito con tutto quello che il luogo e la natura offrivano: uova, frutta secca, e spezie in particolare.
Quanto al ceppo, doveva ardere per alcuni giorni, in quanto gli spettava anche il compito, ovviamente simbolico, di riscaldare il Bambino Gesù.
L’aspettativa, anzi era che durasse fino a Capodanno, meglio ancora fino all’Epifania, per questo motivo generalmente si estraeva da alberi da frutto come la quercia o il castagno, che assicuravano una lenta combustione.
La sera di Capodanno, tutti i membri della famiglia, a turno, davano un colpo di molla sulla brace del ceppo, se le scintille salivano numerose verso la cappa, era considerato di buon auspicio, l’anno nuovo avrebbe dato buoni frutti.
La tradizione affonda le sue origini anche nell’antica credenza superstiziosa che portava a credere che le ceneri del tronco potessero essere utilizzate con funzioni varie, sparse sugli aratri assicuravano un aiuto per l’aratura, nei magazzini di grano protegevano il raccolto, auspicavano la fertilità di tutti gli alberi fruttiferi, nelle serate di temporale potevano scacciare i lampi e gli spiriti maligni.


First  Previous  2 to 2 of 2  Next   Last  
Reply  Message 2 of 2 on the subject 
From: Serenella Sent: 17/12/2012 19:31

Ricetta del tronchetto di Natale

 

Ingredienti per l’impasto: 160 g. di farina, 160 g. di zucchero 8 uova, 60 g. di burro, 50 g. di cacao in polvere, una bustina di vanillina, un pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno: 400 g. di panna liquida, 370 g. di zucchero a velo, 500 g. di burro, 4 cucchiai di cacao amaro, 4 cucchiai di rum, 4 cucchiai di caffè, granella di nocciole tritate.

 

Come preparare l’impasto del tronchetto di Natale

Per prima cosa montate i tuorli d’uovo insieme allo zucchero, e poi aggiungete, la farina e gli albumi montati a neve insieme alla vanillina; versate il tutto su una teglia dalla forma rettangolare rivestita con la carta da forno e livellate l’impasto.  Fate cuocere per circa 15 minuti a 180° in forno preriscaldato, dopodiché sfornate, togliete eventuali bordi secchi e sistemate la sfoglia su un canovaccio, che poi arrotolerete su stesso.

2

Come preparare il ripieno del tronchetto di Natale

Per il ripieno, montate il burro con lo zucchero, aggiungete poi la panna, il caffè, il rum e il cacao e mescolate bene; aprite la sfoglia senza togliere il canovaccio da sotto, e spalmate sulla superficie la crema, dopodiché arrotolate su stessa la sfoglia, questa volta senza canovaccio.

3

Per la decorazione, vi basterà tagliare le due estremità del rotolo in modo da dare al composto la forma di un tronco e spalmate la crema rimasta su tutto il dolce; infine, guarnite le due estremità con la granella di nocciole e la superficie con la panna montata o con frutta fresca a vostro piacere; lasciate riposare il tronchetto in frigo per circa un’ora prima di servire.

 

Anuncios:

 
©2020 - Gabitos - All rights reserved