Home  |  Contact  

Email:

Password:

Sign Up Now!

Forgot your password?

UN SORRISO PER TUTTI
 
What’s New
  Join Now
  Message Board 
  Image Gallery 
 Files and Documents 
 Polls and Test 
  Member List
  
 ◄ ISCRIZIONE AL GRUPPO 
 ___CHAT___ 
 INDICE BACHECHE 
 ◄ BENVENUTO/A 
 GENERALE 
 " TUTTI I MESSAGGI " 
 ۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞۞ 
  
 ◄◄◄ CHAT 
 ◄ ACCADDE OGGI 
 ◄ OROSCOPO DEL GIORNO 
 ◄ MESSAGGIAMOCI 
 ◄ AIUTO PC 
 ◄ AMORE 
 ◄ AUGURI 
 ◄ CONSIGLI & CURIOSITA´ 
 ◄ ATTUALITA´ 
 ◄ ARTE DI RAIOLUAR 
 ◄ GRAFICA DI ROM* 
 ◄ IL LOTTO DI NANDO 
 ◄ INDIANI D´ AMERICA 
 ◄ RICORDI & FOTO DI GIANPI 
 ◄ UMORISMO 
 ◄ MUSICA ANNI 60 / 70 ♫♪♫ 
 ◄GRUPPI MINORI ANNI 60-70 
  
 ◄ POESIE ISCRITTI 
 ◄ POESIE CLELIA ( Lelina ) 
 ◄ Clelia ♦ RACCONTI ♦ 
 ◄ POESIE & ALTRO NADIA 
 ◄POESIE DI NIKI 
 ◄ POESIE PREDILETTA 
 ◄ POESIE QUATTROMORI 
 ◄ POESIE TONY KOSPAN 
 ◄ ROBYLORD ♥ 
  
 OMAGGIO A KAROL 
 ◄ RICORDANDO EL CID 
 ◄ LEZIONI DI POESIA 
 ◄ SEZIONE SVAGO 
 ◄MATERIALI DA USARE► 
 ◄ CUCINA ITALIANA 
 __________________________ 
 Home Home 
  
 
 
  Tools
 
◄ PAGINE DI CUCINA: FRITTELLE VENEZIANE
Choose another message board
Previous subject  Next subject
Reply  Message 1 of 2 on the subject 
From: Serenella  (Original message) Sent: 31/01/2015 04:52
FRITTELLE VENEZIANE
 
 
Ogni anno in occasione del Carnevale in tutte le regioni d'Italia si preparano tanti dolci tradizionali, dalle famose chiacchiere, che cambiano un pò nome a seconda della regione di provenienza, alle frittelle, che troveremo grandi, piccole, farcite con crema o zabaione, vuote, con uvetta, con mele e chi più ne ha più ne metta. Qui vi proponiamo la ricetta tradizionale delle frittelle veneziane, che in dialetto si chiamano fritoe. Sono ottime frittelline moderatamente dolci, farcite semplicemente con uvetta, mela, pinoli, scorza di limone e un accenno di rum. Sono davvero leggere, per cui se volete vi consigliamo di raddoppiare senza esitare le dosi suggerite, che bastano per una trentina di frittelle. Non vi resta che prepararvi gli ingredienti in occasione del prossimo giovedi grasso!

Ingredienti

Farina 250 grammi
Lievito di birra 20 grammi
Zucchero 30 grammi
Uova 1 unità
1 bicchiere di latte
Uvetta 30 grammi
pinoli 30 grammi
Limone scorza grattugiata
1 bicchiere di rhum
Olio per friggere
Zucchiero a velo
1 mela tagliata a pezzettini a piacere

PREPARAZIONE

In una grossa terrina fate sciogliere il lievito sbriciolato nel latte tiepido e aggiungete 50 gr. di farina, coprite e lasciate riposare coperto fino a che avrà raddoppiato il volume. Intanto mettete a bagno l'uva passa in acqua tiepida (o rum) per mezz'ora. Riprendete il panetto lievitato e unite la restante farina, l'uovo, lo zucchero, l'uvetta ben strizzata, asciugata e infarinata, i pinoli, la scorza di limone grattugiata, il rum e un pizzico di sale. Aggiungete anche la mela a pezzettini. Amalgamate bene gli ingredienti e rimettete a bagno l'uva passa in acqua tiepida (o rum) per mezz'ora. Riprendete il panetto lievitato e unite la restante farina, l'uovo, lo zucchero, l'uvetta ben strizzata, asciugata e infarinata, i pinoli, la scorza di limone grattugiata, il rum e un pizzico di sale. Aggiungete anche la mela a pezzettini. Amalgamate bene gli ingredienti e rimettete a bagno l'uva passa in acqua tiepida (o rum) per mezz'ora. Riprendete il panetto lievitato e unite la restante farina, l'uovo, lo zucchero, l'uvetta ben strizzata, asciugata e infarinata, i pinoli, la scorza di limone grattugiata, il rum e un pizzico di sale. Aggiungete anche la mela a pezzettini. Amalgamate bene gli ingredienti e rimettete a lievitare per un'ora. Rimestate bene l'impasto e buttatelo a cucchiaiate (o cucchiaini se volete le frittelle un po' più piccole) nell'olio caldo poche per volta. Servite cosparso di zucchero fine o a velo.

CONSIGLI

Mentre friggete, tenetevi vicino un bicchiere di acqua onde pulire il cucchiaio sporco di impasto e poter immergere nell'olio una nuova perfetta cucchiaiata. Se temete gli schizzi, sostituite l'acqua con l'olio.

CURIOSITÀ

A Venezia ai tempi della Serenissima esisteva la corporazione dei "fritoleri", un'associazione di categoria che consentiva non solo di friggere e vendere le frittelle, ma di tramandare la professione di padre in figlio. Un'altra piccola curiosità: anche Goldoni era ghiotto di frittelle!


First  Previous  2 to 2 of 2  Next   Last  
Reply  Message 2 of 2 on the subject 
From: Piero889 Sent: 31/01/2015 09:47
Che buooneeeeeeeee!!!
 
 


 
©2021 - Gabitos - All rights reserved