Home  |  Contact  

Email:

Password:

Sign Up Now!

Forgot your password?

PSICHE E SOGNO
 
What’s New
  Join Now
  Message Board 
  Image Gallery 
 Files and Documents 
 Polls and Test 
  Member List
 FELICE PASQUA... 
 PRESENTIAMOCI 
 RICORRENZE 
 BUON NATALE DA PSICHE E SOGNO 
 BUON ANNO A TUTTI 
 R E G O L A M E N T O 
 A . U . G . U . R . I . 
 TUTTI I POST 
 GENERALE - LA NOSTRA PIAZZETTA - 
 ****************************** 
 AMORE... TUTTO 
 ANIMALI... AMICI... 
 A R C H E O L O G I A 
 A.R.T.E. 
 ARTE E CLASSICA 
 ASTROLOGIE VARIE 
 BUONUMORE 
 CANZONI... POESIE... 
 CINEMA - TEATRO 
 FESTE TRADIZIONALI 
 F.O.R.U.M. 
 FOTOGRAFIA ARTE 
 G.I.O.C.H.I. 
 IMMAGINI... MAGIA 
 GRAFICI NOI 
 MISTERI 
 MITI... NOSTRI... 
 MONDO DONNA 
 MONDO POETICO DI BUTTERFY 
 MONDO POETICO DI HAIKU 
 MUSICA CLASSICA 
 MUSICA LEGGERA 
 MUSICHE DUN TEMPO 
 MUSICA E NON SOLO 
 PAESI STORIA E FASCINO 
 PELLEROSSA ED ALTRE CULTURE 
 PENSIERI SORRIDENTI... 
 POESIA MONDO 
 POESIE SUBLIMI E DI SOGNO 
 POESIE A TEMA 
 POESIE NOSTRE 
 POETI GRANDI 
 POETI MINORI 
 POETI E... SCRITTORI... NOI 
 RACCONTI FAVOLE LEGGENDE 
 RACCONTI NOSTRI 
 R I C O R D I 
 RIFLESSIONI 
 SALUTE E BENESSERE 
 SCIENZE E CURIOSITA 
 SEMINI DI MARINA 
 S.T.O.R.I.A. 
 TEST PER TUTTI 
 TESTI SUBLIMI 
 UTILITY WEB E NON SOLO 
 VIAGGI E TURISMO 
 VIDEO E PPS VARI 
 COME FARE PER... 
 SFONDI E SEPARAT. PRONTI 
 ARCHIVIO MULTIPLY 
 
 
  Tools
 
MONDO DONNA: Teresa Gullace
Choose another message board
Previous subject  Next subject
Reply  Message 1 of 1 on the subject 
From: lucy46  (Original message) Sent: 08/09/2013 09:58

 

 
 
Teresa Gullace, da nubile Talotta
(Cittanova, 8 settembre 1907 – Roma, 3 marzo 1944),
è stata una donna italiana uccisa dai soldati nazisti durante l'occupazione di Roma, freddata da un colpo di pistola mentre tentava di parlare al marito prigioniero dei tedeschi.
La sua morte ebbe una notevole eco nella città, e la sua figura divenne ben presto un simbolo della resistenza romana; la sua vicenda venne inoltre ripresa e resa celebre dal regista Roberto Rossellini, che prenderà spunto dalla Gullace per il personaggio della Sora Pina, interpretata da Anna Magnani nel film Roma città aperta. Nata a Cittanova, in Calabria, ma trasferitasi a Roma in gioventù, Teresa  all'epoca dei fatti era casalinga, aveva 37 anni, cinque figli ed era incinta del sesto. Suo marito, Girolamo Gullace, venne arrestato dai nazisti il 26 febbraio 1944 nel corso di un rastrellamento e portato nella caserma dell'81º di fanteria in Viale Giulio Cesare; qui la donna lo andò a reclamare, insieme alle donne di altri prigionieri, la mattina del 3 marzo. Tra le manifestanti, erano presenti un cospicuo nucleo di militanti della resistenza romana. Secondo le testimonianze rilasciate, fra gli altri, dalla partigiana Laura Lombardo Radice, dopo aver scorto il marito alla finestra, Teresa tentò di avvicinarsi a lui, forse per consegnargli del pane o solo per parlargli, incurante del divieto urlatole da un soldato tedesco che, vedendola avvicinarsi alla caserma, le sparò un colpo con la sua Luger, uccidendola. Lo sdegno e la rabbia popolare montarono immediatamente: la "gappista" Carla Capponi estrasse d'impulso una pistola puntandola contro l'uccisore, ma fu subito circondata dalle donne presenti ed arrestata dai tedeschi. Nella confusione, un'altra partigiana, Marisa Musu, ha la prontezza di spirito di sottrarle l'arma e di infilarle in tasca una tessera di un'associazione fascista, che sarà determinante per farle riacquistare la libertà. Altre militanti improvvisarono invece una protesta pacifica, allestendo una camera ardente lì in strada, pregando e ricoprendo il corpo dell'uccisa con mazzi di fiori sempre più numerosi. La protesta fu tale che i nazisti furono costretti a liberare il vedovo Girolamo Gullace. Nel pomeriggio, Laura Lombardo Radice e Pietro Ingrao stesero il testo di un manifestino sull'accaduto, che fu ampiamente diffuso. Nei giorni e nelle settimane seguenti (segnati, fra l'altro, dalla strage delle Fosse Ardeatine), la tragica storia divenne una delle icone della resistenza, e numerosi gruppi partigiani cittadini, dai Gruppi di azione patriottica allo stesso Comitato di Liberazione Nazionale, resero la sfortunata donna uno dei simboli della loro lotta. Oltre che dal film di Rossellini, la figura e la vicenda di Teresa Gullace sono state celebrate anche dal Presidente della Repubblica Italiana Giovanni Leone, che nel 1977 la insignì della Medaglia d'oro al merito civile. Al suo nome è inoltre dedicata una lapide in Viale Giulio Cesare, dove fu uccisa. Nel 1981 le è stato intitolato un liceo scientifico in Piazza dei Cavalieri del Lavoro, nel quartiere Don Bosco della capitale, che ospita anche un suo busto. Nel quartiere Alessandrino, sempre a Roma, le è stato intitolato un Centro di Formazione Professionale. La città di Cittanova le ha dedicato la sua via natale e una scuola materna. La sua vicenda ha inoltre ispirato il film "Anna, Teresa e le resistenti", uscito nel 2011.

Medaglia d'oro al merito civile
 «Madre di cinque figli ed alle soglie di una nuova maternità, non esitava ad accorrere presso il marito imprigionato dai nazisti, nel nobile intento di portargli conforto e speranza. Mentre invocava con coraggiosa fermezza la liberazione del coniuge, veniva barbaramente uccisa da un soldato tedesco.»
— Roma – 3 marzo 1944



First  Previous  Without answer  Next   Last  
Anuncios:

 
©2020 - Gabitos - All rights reserved